La goliardia in mostra: questione genetica?